Ucraina

21 maggio 2017 – Corriere dell’Umbria


20 febbraio 2017

Il 20 Feb 2017 16:52, “Volodymyr Malchyn ha scritto:

Caro Alessandro, cari benefattori, Ecco un breve rendiconto su come e’ stato usato l’aiuto umanitario dalla Gomena fino a questo momento: Vorrei ringraziarvi per il vostro aiuto per la gente sofferente in Ucraina che e’ stata costretta a fuggire dalle proprie case.  Dal momento che abbiamo ricevuto il vostro aiuto in somma di 25.000 euro, siamo riusciti di aiutare tanta gente:

1) Abbiamo comprato e distribuito i prodotti alimentari per 1050 persone. Questo aiuto e’ stato distribuito in

a)Avdijivka (sulla linea dei combatimenti in regione di Donetsk),

b) Kyiv e la regione di Kyiv (Vyshneve, Fastiv,

c) ospizio per le persone anziane in Brovary), Cherkasy, Smila. Stiamo preparando questo aiuto anche per la citta’ di Zhytomyr e in regione di Vinnytsia.

2) Nella refettorio della Caritas quotidianamente il cibo ricevono circa 100 bambini.

3) Abbiamo comprato il tessuto per fare i letti per il somma totale di 2.000 euro. I volontari della Caritas cuciono i letti per distribuirli ai bisognosi. Abbiamo gia aiutato con i letti all’ospizio per le persone anziane invalide a Brovary dove sono stati Sandro e Giampaolo durante la visita in Ucraina.

4) c’e grande bisogno nella medicina, stiamo aiutando dove e’ possibile.

5) Stiamo aiutando con i prodotti alimentari  anche alle persone anziane nell’ospizio di Brovary.

Per il momento abbiamo speso in quanto segue: prodotti alimentari – 6.500 euro, il tessuto per i letti – 2.000 euro, medicina – 2.800 euro. La somma totale delle spese – 11.300.

Ci sono i gravi bisogni, ma grazie al vostro aiuto tante persone hanno sperimentato la misericordia di Dio che ha donato a queste persone il cibo caldo e la speranza per il futuro migliore. Queste persone con le lacrime vi dicono grazie e ci chiedono di farvi passare la loro gratitudine.

Allego alcune foto dalla distribuzione dell’aiuto nella Caritas. Le altre foto le ho già inviate separatamente.

Vi ringrazio anche da parte mia.

Che Dio benedica tutti voi.

Chiedo p. Volodymyr di tradurre il testo.

Con gratitudine,

p. Roman Syrotych, Direttore della Caritas-Kyiv.


RISPOSTA in data odierna

Al caro Padre Roman, ai volontari tutti, agli amici della Caritas Kiev

E anche a te Caro Volodymyr amico fratello e nostro prezioso interprete.

Grazie. Grazie Grazie.

Siamo noi che dobbiamo dirvi grazie, perché voi siete le mani e i cuori che danno senso e concretezza all’impegno di tante persone amiche della Gomena, che vedono fiorire dai loro piccoli o grandi sacrifici frutti di bene concreto.

Grazie perché trasformate in gesti d’amore e di accoglienza quel poco veramente poco che cerchiamo di fare.

La vostra lettera dà coraggio  alle nostre paure,  e costruisce, nonostante la lontananza, uno spirito di amicizia e di amore vero, fra noi.

Anche per questo il nostro desiderio di farvi una nuova visita a primavera, cresce e prende corpo, continuando sulla strada che è lo stessa che da sempre segue LA GOMENA : Conoscere per amare e amare per servire.

Continuate a tenerci informati.

Tutti noi stringiamo in un unico abbraccio voi operatori, i bambini i feriti i profughi e gli amatissimi anziani invalidi di Brovary.

La Gomena onlus

Il presidente

Alessandro Priorelli

 


16 gennaio 2017

Dall’Ucraina (Caritas di Kiev) ci giungono altre foto, compresa la ricevuta dei €25.000,00 che abbiamo inviato nei giorni scorsi, quale prima tranche del ns. intervento.


Il nuovo progetto per il 2017, a favore degli orfani e dei profughi in Ucraina, nasce direttamente dal cuore di Papa Francesco.

Una nostra delegazione si è  già recata in Ucraina e abbiamo conosciuto dal vivo la realtà alla quale vorremmo dare la nostra piccola goccia di aiuto e consolazione.

Vorremmo almeno per un anno farci completamente carico di 100 bambini fuggiti dalla guerra molti dei quali orfani, insieme  alla Caritas (che è nostra partner e referente nel progetto )  seguiremo anche una parte dei 25000 profughi che alla stessa Caritas fanno riferimento per il ” pane quotidiano”.

È un progetto molto grande in relazione alle nostre piccolissime forze.

Per chiunque volesse conoscere più nel dettaglio il progetto la storia  e sentire dalla nostra vivavoce il racconto dell’esperienza fatta in UCRAINA può contattarci inserendo un messaggio e compilando i campi nel riquadro a fondo pagina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *